m

This is Aalto. A Professional theme for
architects, construction and interior designers

Call us on +651 464 033 04

531 West Avenue, NY

Mon - Sat 8 AM - 8 PM

Top
In questi giorni, il gin viene spesso sorseggiato con acqua tonica come aperitivo o gustato in un cocktail alla moda. Tuttavia, nonostante questa raffinata immagine moderna, il gin ha alcuni scheletri nell’armadio in termini di storia…

Un’invenzione olandese (1600)

Uno scienziato olandese ha originariamente formulato l’olio di bacche di ginepro come medicinale ed è stato aggiunto allo spirito distillato insieme ai prodotti botanici per renderlo più appetibile. Era così appetibile, infatti, che i casi di malattie segnalate aumentavano mentre le persone, in massa, cercavano di acquisire questo “genever” che era disponibile solo nelle farmacie. La domanda era così alta che sono emerse numerose piccole distillerie ed è nata la versione commerciale, non medicinale.

Pianta di ginepro con bacche

Coraggio olandese (1620s)

Le truppe inglesi che combatterono a fianco degli olandesi nella Guerra dei Trent’anni (1618-1648) notarono che i soldati olandesi erano estremamente coraggiosi in battaglia. Questo coraggio fu attribuito agli effetti calmanti del genever che sorseggiavano da piccole bottiglie appese alla cintura. I soldati inglesi di ritorno dalla guerra diffusero la notizia di questo genever e gli olandesi iniziarono ad importarlo in tutto il mondo nella loro vasta flotta di navi mercantili.

La storia del gin in marina è ben documentata

La Gloriosa Rivoluzione (1660)

Guglielmo d’Orange (nella foto) salì al trono e diede la libertà di distillare e vendere alcolici, a condizione che fossero prodotti da mais inglese coltivato in casa. I prezzi degli alcolici sono diminuiti e le tasse più pesanti sulla birra hanno ulteriormente aumentato la domanda di gin, con conseguente produzione non regolamentata di cereali di scarsa qualità.

Guglielmo d'Orange

La mania del gin (1720)

Con molte malattie trasmesse dall’acqua, prevalentemente intorno a Londra, il gin è diventato una bevanda sicura per i poveri. Oltre 7.000 negozi di liquori sorsero a Londra e il gin divenne noto come l’oppio della gente comune. L’incisione ‘Gin Lane’ di William Hogarth raffigura un’immagine del crollo sociale presumibilmente causato dal gin, che si è preso la colpa di una moltitudine di peccati e di conseguenza si è guadagnato il soprannome di “rovina della madre”. (Nella foto in cima a questa pagina).

Atti e gatti (1750)

Le leggi sul gin sono state approvate per consentire solo ai rivenditori autorizzati di vendere alcolici e quindi vietare i negozi di gin dram senza licenza. I consumi calarono e le aziende più rispettabili iniziarono a distillare, producendo prodotti di migliore qualità ed entrando nel mirino dell’alta società. Tuttavia, le vendite illegali continuarono a persistere con la produzione di una versione dolce nota come Old Tom gin, che veniva venduta sottobanco per le strade da stabilimenti che espongono un simbolo che fa riferimento a un gatto nero.

Distributore di gin Old Tom

Un drink da gentiluomo (1830)

L’invenzione della colonna di distillazione ha portato a un significativo cambiamento di qualità e all’emergere di un nuovo tipo di gin, noto come stile London Dry. Il gusto più morbido del distillato ha permesso all’aroma delle botaniche di diventare predominante e molte aziende hanno iniziato a sviluppare gin con una gamma più ampia di aromi complessi. Per i gentiluomini della società furono istituiti i Gin Palace, che erano lussuosamente arredati e offrivano intrattenimento stravagante.

Gin tropicale (1800)

Con l’espansione dell’impero britannico, la minaccia della malaria trasportata dalle zanzare divenne una grande preoccupazione per i coloni. Il chinino era un noto deterrente per le zanzare, ma da solo aveva un sapore eccezionalmente amaro. Con la recente invenzione dell’acqua gassata, il chinino è stato utilizzato come aromatizzante per creare acqua tonica che, guarda caso, è un perfetto complemento al gin. Il gin tonic fu quindi bevuto come antimalarico e divenne la bevanda coloniale tipicamente britannica. Inutile dire che quando le truppe tornarono in Gran Bretagna la pratica arrivò con loro, meno l’aggiunta di così tanto chinino.

Impero indiano

La marina diventa rosa (1824)

Si scoprì che gli amari di Angostura erano una buona cura per il mal di mare e cominciarono quindi ad essere usati per scopi medicinali in Marina. Come con la tonica, si è scoperto che gli amari erano un ottimo accompagnamento per il gin, producendo un gin rosa che presto divenne apprezzato su una base più diffusa.

America e proibizionismo (anni ’20)

Sull’acqua, a seguito delle campagne guidate dal Prohibition Party e dalla Women’s Christian Temperance Union, tra gli altri, nel 1919 fu approvato il Volstead Act per vietare il consumo di alcol. Nonostante i tredici anni di divieto che seguirono, questo non fu sostenuto dalla maggioranza della popolazione e i bar illegali divennero all’ordine del giorno. L’alcol contrabbandato era insufficiente per soddisfare la domanda, così molti hanno deciso di produrre il proprio alcol, portando a un’era di chiaro di luna e contrabbando.

Principi del partito del proibizionismo

Agitato, non mescolato (anni ’60)

Si pensa che i cocktail siano esistiti molto prima che diventassero di moda, tanto da essere menzionati anche in un’edizione di The Balance e Columbian Repository del 1806. Tuttavia, nonostante una breve impennata dopo la prima guerra mondiale, la loro popolarità non aumentò adeguatamente fino alla fine degli anni ’60. quando le ricette dei cocktail iniziarono ad apparire nei libri di bevande e il gin divenne una bevanda essenziale per le feste.

cocktail

La nuova mania del gin (2011)

Dopo un periodo lontano dalle luci della ribalta, il gin si è ripreso con una vendetta. I classici cocktail retrò mescolati con gin premium in bicchieri eleganti sono tornati di moda e una nuova ondata di gin premium ha preso il sopravvento. Distillati in piccoli alambicchi, utilizzando ingredienti di alta qualità e molta cura e attenzione, questi gin selezionati sono fatti per i palati più raffinati.

Gin aromatizzati (2015)

Alla fine dei primi decenni del 21° secolo, il gin e la distillazione artigianale non hanno mostrato segni di rallentamento. In effetti, gli esperti del settore non vedevano la fine in vista per il boom. Man mano che più dry gin entravano nel mercato, le persone chiedevano qualcosa di nuovo ed eccitante da aggiungere alle loro collezioni. Molte distillerie hanno scelto di riportare in vita i tradizionali gin rosa, utilizzando i sapori del 1800 e remarketing del passato.

Inserisci un commento

4 × tre =

0
Il tuo carrello

SCONTO 5%

Iscriviti alla nostra Newsletter
ed ottieni uno sconto del 5% per il tuo primo acquisto. Provala!

SCONTO 5%

Iscriviti alla nostra Newsletter
ed ottieni uno sconto del 5%. Provala!